commerciale

segreteria@studiolegalesilva.it​

+39 02 400 30417​

Via E. Pagliano 11, 20149, Milano

layer21

NEWSLETTER

Resta in contatto

P.IVA 11193530158 | Privacy e Cookie Policy


facebook
messengerblack
WEBIDOO-LOGOFOOTER

Farmed by WEBIDOO

Blog

24/10/2018, 14:01



VISITE-DI-CONTROLLO-RIPETUTE:-SONO-LEGITTIME?


 Il datore di lavoro non può porre in atto dei comportamenti di per sé leciti, come una serie di visite di controllo, ma che presi nel loro insieme hanno una finalità persecutoria e, quindi, illecita.



Il datore di lavoro non può porre in atto dei comportamenti di per sé leciti, come una serie di visite di controllo, ma che presi nel loro insieme hanno una finalità persecutoria e, quindi, illecita.
Di regola, il risarcimento di ogni danno, ivi compreso quello biologico, presuppone la natura illecita del comportamento che l’ha cagionato. Tuttavia, la Giurisprudenza [1] ha determinato che, a certe condizioni, anche un comportamento astrattamente lecito può essere fonte di risarcimento.
E’ stato detto che le reiterate visite di controllo sul lavoratore assente per malattia, richieste dal datore di lavoro, possono configurare un comportamento persecutorio, con conseguente diritto del lavoratore al risarcimento dei danni subiti a causa di tale comportamento. Come è facile intuire, l’importanza della cosa sta nel fatto che è stato riconosciuto il diritto al risarcimento in un caso in cui il danno era stato causato da un fatto di per sé lecito.
Più precisamente, un datore di lavoro aveva continuativamente chiesto il controllo sulla malattia di una lavoratrice che si era assentata dal lavoro per sindrome ansioso-depressiva. L’esercizio di questo diritto era tanto più vessatorio, se si pensa non solo alla sistematicità del controllo, ma anche al fatto che, puntualmente, il controllo si concludeva con la conferma della persistenza della malattia. Pertanto la lavoratrice, dopo essersi dimessa, si era rivolta al Giudice del Lavoro, sostenendo che l’assillo delle quotidiane visite di controllo aveva aggravato e stabilizzato la sua malattia, chiedendo quindi il risarcimento dei danni subiti.
Il Tribunale, in sede di appello, aveva riconosciuto la responsabilità del datore di lavoro, condannandolo al risarcimento del danno biologico, del danno alla capacità lavorativa, del danno morale e del danno patrimoniale, quest’ultimo sotto il profilo della perdita di guadagno conseguente alle dimissioni. La sentenza della Corte di cassazione ha sostanzialmente confermato il tutto, riconoscendo dunque che anche l’esercizio di un diritto, se avviene con modalità vessatorie, può cagionare un danno risarcibile.
La pronuncia è tanto più importante se si pensa che nel nostro ordinamento il presupposto per il risarcimento del danno è la natura illecita del fatto che lo ha cagionato. In altre parole, anche l’esercizio di un diritto può causare un danno; tuttavia, tale danno, proprio perché causato da un comportamento lecito, non può trovare risarcimento. Ebbene, nel caso esaminato dalla sentenza in questione, il comportamento del datore di lavoro non costituiva in sé, astrattamente considerato, un illecito, dal momento che egli ha sempre la facoltà di controllare, mediante gli organismi del sistema sanitario pubblico, l’effettivo stato di malattia del lavoratore.
Tuttavia, talvolta un diritto può essere esercitato in maniera del tutto irragionevole e con finalità meramente vessatorie. Si pensi, per fare un altro esempio, al datore di lavoro che perseguita il proprio dipendente sommergendolo di sanzioni disciplinari che, benché rientranti nell’astratto potere disciplinare del datore di lavoro, per la loro sistematicità e per la loro pretestuosità potrebbero configurarsi appunto come persecutorie e vessatorie. Anche in un caso come questo, dunque, il dipendente che abbia subito un danno potrà rivolgersi al Giudice del lavoro per ottenere il risarcimento.
[1], Cass. Civ. sent. n. 475, del 19/1/99.


1

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE