Protocollo contro la diffusione del Covid-19 nei luoghi di lavoro

Tabella dei Contenuti

In data 6 aprile 2020 Confesercenti e le Organizzazioni sindacali dei lavoratori hanno sottoscritto un accordo per l’applicazione del Protocollo per il contrasto e il contenimento della diffusione del Covid-19 nei luoghi di lavoro, stipulato lo scorso 14 marzo.

L’accordo in esame, che fornisce parte integrante del Protocollo 14 marzo 2020, contiene tutte le misure idonee a fronteggiare la diffusione del Covid-19, nel rispetto della salute e della sicurezza dei lavoratori, garantendo i servizi essenziali al pubblico.

Quanto previsto nel presente accordo e dal Protocollo del 14 marzo 2020 si applica anche a tutti i dipendenti di aziende terze che operano in servizio o in appalto all’interno delle unità produttive.

Il presente accordo sarà esposto in tutti i punti vendita in modo tale da essere consultabile dai lavoratori.

Misure da adottare

Si raccomanda l’adozione delle seguenti misure:

  • sospensione delle attività dei reparti aziendali non indispensabili. In particolare, negli uffici amministrativi sarà presente solo il personale utile al supporto dei punti vendita; gli altri dipendenti, in assenza di possibilità allo svolgimento di lavoro da remoto, saranno preventivamente posti in ferie o in smaltimento ROL maturati al 31 dicembre 2019 o in alternativa sospesi attraverso specifico ammortizzatore sociale a rotazione fino al termine dell’emergenza.
  • sospensione delle attività di somministrazione (bar), laddove presenti, in ottemperanza alle indicazioni governative (DPCM 11 marzo 2020);
  • tutto il personale che opera all’interno delle attività deve lavarsi frequentemente le mani ed utilizzare disinfettanti messi a disposizione dall’azienda, avendo cura di segnalarne per tempo l’eventuale esaurimento;
  • igienizzazione delle superfici utilizzando i prodotti disinfettanti forniti dall’azienda, avendo cura di segnalarne per tempo l’eventuale esaurimento;
  • evitare i contatti stretti e protratti con persone con sintomi simil influenzali;
  • esposizione, all’ingresso e all’interno dei punti vendita, della cartellonistica informativa al fine di rendere edotto il cliente sui comportamenti da tenere in ottemperanza alle misure del Governo e del presente accordo. Potranno altresì essere emanati annunci vocali all’interno dei punti vendita;
  • fornitura a tutto il personale di guanti monouso (in particolar modo alle casse), sostituendoli spesso: le lavoratrici ed i lavoratori hanno l’obbligo di utilizzare il dispositivo;
  • obbligo delle mascherine nei reparti in cui non è possibile assicurare la distanza di sicurezza. L’azienda deve fornire le mascherine a tutti i dipendenti che offrono servizio diretto al cliente e agli addetti alle casse ed in ogni caso in conformità con quanto previsto dall’OMS.
  • mantenimento della distanza di sicurezza di almeno 1 metro tra tutti (personale e clienti);
  • utilizzo di distanziatori o cartellonistica orizzontale davanti ai banchi serviti ed in prossimità delle casse, avendo cura di verificare il rispetto da parte di tutti della distanza di almeno 1 metro;
  • messa a disposizione all’ingresso dei punti vendita di un disinfettante in gel o liquido, con l’invito all’utilizzo da parte di tutti;
  • al fine di escludere assembramenti, l’azienda contingenta l’ingresso della clientela nel rispetto della distanza di 1 metro e consentendo, in ogni caso, l’accesso di un solo componente per nucleo familiare;
  • vietare l’accesso al punto vendita ai clienti con sintomi influenzali;
  • utilizzare i sistemi di preparazione di spesa tramite prenotazione degli ordini per via telefonica o online;
  • fornire al personale indicazioni chiare su come indossare, portare, togliere e smaltire mascherine e guanti, seguendo le indicazioni del Ministero della Salute;
  • sanificare ed aerare gli ambienti di lavoro.

In caso di sintomi da Covid-19, è necessario che tutti gli operatori, i dipendenti, fornitori, personale di ditte in appalto:

  • rimangano al proprio domicilio in presenza di febbre (oltre 37,5°C), avendo premura di chiamare il proprio medico e l’autorità sanitaria;
  • non permangano sul luogo di lavoro e dichiarino tempestivamente se sussistono o insorgono condizioni di pericolo.

Modalità di accesso dei fornitori

Ad integrazione di quanto previsto dal Protocollo del 14 marzo 2020 si prevede di:

  • limitare l’acceso ai soli fornitori con i quali è stata condivisa la consegna o l’ordine della merce, evitando in ogni caso l’accesso del personale non necessario;
  • far permanere all’esterno dei punti vendita gli autisti dei mezzi di trasporto.

Per le attività di carico e scarico deve comunque essere rispettata la distanza di almeno 1 metro.

Consegne a domicilio

Le consegne a domicilio devono essere effettuate con tutti gli accorgimenti atti a non mettere in pericolo il personale in coerenza con quanto previsto nel presente accordo quadro, e in particolare:

  • la merce deve essere assicurata davanti alla porta del cliente, evitando l’ingresso al domicilio.
  • in caso di consegna al domicilio di clienti risultati positivi al Coronavirus, la consegna sarà effettuata all’esterno dell’abitazione, concordando preventivamente una modalità di pagamento attraverso bonifico bancario o online.

Pulizia e sanificazione

Ad integrazione di quanto previsto dal Protocollo del 14 marzo 2020 si prevede:

  • la pulizia e sanificazione delle superfici a contatto con la clientela (es. superfici casse, manici carrelli e cestini) deve essere assicurata in maniera continuativa durante il giorno, con l’utilizzo del materiale di sanificazione fornito dall’azienda
  • la sanificazione delle cornette dei telefoni, dei dispositivi per gli ordini e delle tastiere di casse, bilance e pc. In ogni caso è obbligatorio sanificare tali strumenti quando passano da un operatore all’altro.
  • la sanificazione periodica delle aree comuni di svago e gli spogliatoi.

Condividi questo articolo su…

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Avvocato Ettore Silva Studio Legale

Questo articolo ti ha interessato e vorresti avere una consulenza legale personalizzata e accessibile?

Richiedi una consulenza allo Studio Legale Silva.